Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

LA ricetta della frolla (e gli anni Ottanta)

Detestavo i pantaloni con le ghette. Ricordo che quando mi son trovata a metterli, avrò avuto otto o nove anni, sentivo tirare sotto la pianta del piede, un fastidio assillante e diciamocelo, senza senso. Ed erano pure brutte. Come quei maglioni dai colori strani, le giacche, i tagli dei capelli. Oh, negli anni Ottanta gli anni Ottanta facevano schifo (tranne la musica, ma all'epoca ero un po' confusa, sentivo quella degli anni Sessanta, son sempre stata retro). Adesso no, li guardo con tenerezza e quei ciuffi cotonati appaiono sognanti, i colori sgargianti raccontano una leggera voglia di evasione e le giacche, sì beh, alla fine erano utili a chi aveva poche spalle. Però le ghette mi fanno ancora schifo.

Perché questa cosa degli anni Ottanta. Perché con colpevole ritardo sono entrata in un tunnel incredibile per Stranger Things (sì, ho scoperto l'acqua calda) e quei tre quarti d'ora serali sul divano me li gusto un sacco, grazie Dav. L'altra scoperta dell'acqu…

Ultimi post

Il Berlingaccio, i cenci e altre scoperte

Passo dopo passo (schiacciata con l'uva)

Tu cosa sai fare? Schiaccia alla marmellata di albicocche

Zuppa inglese (o portoghese...) per un babbo speciale

Le mele con il limone

Ottobre, armata di tachiprina e fughe: schiacciata con l'uva

Settembre, non si era detto di fare pace? (Torta cioccolato e pere)

Un aperitivo profumato di Elba

Sei piani, crema e frutta: la torta per una piccola principessa

Aprile, plumcake alle "fiagole"